Artrite reumatoide, APMARR: “Sì all'utilizzo della cannabis terapeutica ma solo per alleviare il dolore e non per le cure" - Axess PR
Loading

Roma, 23 ottobre 2019 – APMARR (Associazione Nazionale Persone con Malattie Reumatologiche e Rare) sostiene la battaglia civile intrapresa da Walter De Bendetto, paziente aretino affetto da artrite reumatoide che per alleviare il dolore è costretto a far uso di cannabis e per questo motivo è stato denunciato dalle forze dell’ordine per detenzione illecita di sostanze stupefacenti.
“Riteniamo giusto – spiega Antonella Celano, presidente di APMARR – sostenere il sit-in organizzato oggi a Roma davanti alla Camera dei Deputati dall’associazione Luca Coscioni e dai Radicali Italiani per chiedere ai parlamentari italiani di riprendere l’iter, interrotto nella scorsa legislatura, per la legalizzazione della cannabis. È inaccettabile che una persona affetta da una grave forma di artrite reumatoide, costretta per alleviare il proprio dolore a consumare quotidianamente cannabis, rischi il carcere. Ciò vale non solo per le persone affette da malattie reumatiche ma per tutti i pazienti che, per scopi terapeutici, debbono fare uso della cannabis.

CONDIVIDI

INIZIAMO A LAVORARE

PARLACI DEL TUO PROGETTO

Contattaci