Ansa, Rsa sicure, appello Comitato a Draghi per riaprirle. Il 91% degli ospiti ha fatto 1 dose. Abbraccio allunga vita - Axess PR
Loading

(ANSA) – ROMA, 15 APR – “Un abbraccio allunga la vita agli anziani”. Per questo “serve indicare subito una data certa e nel pieno rispetto dei protocolli sanitari, per la ripartenza delle visite in presenza dei familiari nelle RSA”, strutture che sono ora “quasi tutte Covid-free e hanno il 76% degli ospiti vaccinati”. Questo l’appello lanciato al Governo Draghi dal neo costituito Comitato Open Rsa Now, che avverte: “se le Istituzioni non ci ascolteranno, già dalla prossima settimana, siamo pronti a compiere un gesto dimostrativo forte”.
Sono oltre 350mila gli ospiti ricoverati nelle 7.372 strutture residenziali socio assistenziali (RSA) italiane. “Da ormai più di un anno – denuncia Dario Francolino, presidente di Open RSA Now – causa Covid, familiari e amici non possono guardare negli occhi o stringere una mano ai propri cari ricoverati all’interno delle RSA. Al massimo lo possono fare, laddove possibile attraverso le Sale degli abbracci o le videochiamate”. Gli incontri tra gli ospiti delle Rsa e i loro famigliari sono riconosciute “parte integrante della terapia”, come indica anche il ministero della Salute. Tuttavia le indicazioni operative per assicurare la possibilità di visite sono rimaste solo sulla carta, mentre la campagna vaccinale ha fatto sì che al 10 aprile 2021, il 91% degli ospiti delle Rsa abbia già ricevuto almeno la prima dose del vaccino e il 76% entrambe le dosi, comportando un calo sia dell’incidenza della malattia fra residenti e operatori, sia dei decessi. A queste persone, conclude il presidente del Comitato, “serve ridare fiducia attraverso l’indicazione di una data simbolo per la riapertura alle visite in presenza, con l’elaborazione di un protocollo chiaro su basi esclusivamente scientifiche”. (ANSA).

CONDIVIDI

INIZIAMO A LAVORARE

PARLACI DEL TUO PROGETTO

Contattaci